Archivio

Archivio per la categoria ‘Musica’

Out of this world – Marillion

10 Novembre 2008 Commenti chiusi

Lasciatevi cullare dalla voce…gustatevi questo pezzo meraviglioso.  quanto parla al mio cuore…devo ringraziare i Marillion per aver fatto così tante volte da sottofondo alla mia vita…

Prosegui la lettura…

Wish you were here

20 Giugno 2008 4 commenti

Se trovi la tua canzone preferita che ti fa pensare a mille cose, per di più in una versione di un gruppo che adori…ti rimane in testa.

Prosegui la lettura…

Fee fi fo

17 Novembre 2003 8 commenti


Dopo aver letto tanti post riguardanti stupri (tra l’altro sul blog di una cara amica mi sono infervorata..ma ho letto cose veramente raccapriccianti su quello che pensano gli uomini delle donne…), pubblico questa bellissima canzone dei Cranberries, che parla di violenze sui bambini. so che é un argomento molto pesante, ma mi sembra tutto sommato se ne parli sempre troppo poco.

GIU’ LE MANI DAI BAMBINI

Fee fi fo she smells his body
She smells his body
And it makes her sick to her mind
He has got so much to answer for
To answer for, To ruin a child’s mind

How could you touch something
So innocent and pure
Obscure
How could you get satisfaction
From the body of a child
You’re vile, sick

It’s true what people say
God protect the ones who help themselves
In their own way
It’s true what people say
God protect the ones who help themselves
In their own way

He was sitting in her bedroom
In her bedroom
And now what should she do
She’s got so much insecurity
And his impurity It was a gathering gloom

How could you touch something
So innocent and pure
Obscure
How could you get satisfaction
From the body of a child You’re a vile, sick

The Cranberries

Cordell – Cranberries

6 Novembre 2003 5 commenti


Questa é una canzone dei Cranberries che mi é sempre piaciuta moltissimo…fin dal primo ascolto. Dall’album To The Faithful Departed, per chi non c’é più

Cordell
Though once you ruled my mind
I thought you’d always be there
And I always hold on to your face

But everything changes in time
And the answers are not always fair
And I hope you’ve gone to a better place

Cordell
Time will tell
They say that you passed away
And I hope you’ve gone to a better place
Time will tell
Time will tell
They say that you passed away
And I know that you’ve gone to a better place

Your lover and baby were crying
But your presence will always remain
Is this how it was meant to be ?
You meant something more to me
Than what many people would see
and your help with the industry

Cordell
Time will tell
They say that you passed away
And I hope you’ve gone to a better place
Time will tell
Time will tell
We all will depart and again
And we all will return to a better place

cordell……..

Festa

23 Ottobre 2003 5 commenti


..eccomi qua..la festa continua..già che ci siamo la facciamo in stile halloween..chi si aggiunge a noi!
buona giornata piovosa…..piovosissima!!!

Istinto animale….

7 Ottobre 2003 4 commenti

So take my hands and come with me
We will change reality
So take my hands and we will pray
They won’t take you away
They will never make me cry, no
They will never make me die

Animal Instinct, The Cranberries

non ti porteranno mai via da me!

Sarò brava

26 Settembre 2003 3 commenti

Mi racconto per canzoni…quelle che mi hanno segnato, in qualche maniera

That I Would Be Good

that I would be good even if I did nothing
that I would be good even if I got the thumbs down
that I would be good if I got and stayed sick
that I would be good even if I gained ten pounds

that I would be fine even if I went bankrupt
that I would be good if I lost my hair and my youth
that I would be great if I was no longer Queen
that I would be grand if I was not all knowing

that I would be loved even when I numb myself
that I would be good even when I am overwhelmed
that I would be loved even when I was fuming
that I would be good even if I was clingy

that I would be good even if I lost sanity
that I would be good
whether with or without you

Nothing else matters – Metallica

24 Settembre 2003 5 commenti


Mi sembra molto adatta a me in questo momento…

So close no matter how far
Couldn’t be much more from the heart
Forever trusting who we are
And nothing else matters
Never opened myself this way
Life is ours, we live it our way
All these words
I don’t just say
And nothing else matters
Trust I seek and I find in you
Every day for us something new
Open mind for a different view
And nothing else matters
Never cared for what they do
Never cared for what they know
But I know
So close no matter how far
Couldn’t be much more from the heart
Forever trusting who we are
And nothing else matters

Life is ours, we live it our way
All these words I don’t just say
And nothing else matters

TRUST I SEEK..AND I FIND IN YOU!

Blue Angel – Marillion

22 Settembre 2003 1 commento

La mia passione per questo pezzo é nata un giorno di un sacco di anni fa..la prima volta che l’ho ascoltata. Da allora non riesco a staccarmi dal senso di magia che per me l’accompagna…

Blue Angel

The sky was Bible black in Lyon
When I met the Magdalene
She was paralysed in a streetlight
She refused to give her name

And a ring of violet bruises
They were pinned upon her arm.
Two hundred francs for sanctuary and she led me by the hand
To a room of dancing shadows where all the heartache disappears
And from glowing tongues of candles I heard her whisper in my ear
“J’entend ton coeur”….
I can hear your heart……..

Il cielo era nero a Lione
Quando incontrai la Maddalena
Era ferma immobile sotto un lampione
Si rifiutò di dirmi il suo nome
Aveva un anello di lividi viola sul braccio
Duecento franchi per il santuario e mi guidò per mano
Verso una stanza di ombre danzanti
dove ogni dolore del cuore scompare….
e dalle lingue di fuoco brillanti sentii il suo sussurro nel mio orecchio
Io posso ascoltare io tuo cuore?

Marillion

Brave – Marillion

17 Settembre 2003 Commenti chiusi

Sola su un ponte, il vento le sferza il viso, i flash delle macchine fotografiche l’abbagliano.
E’ notte, il fiume sottostante scorre silenzioso mentre una chiatta segnala il suo passaggio con il suono triste della sua sirena.
Il suo volto è come scolpito, nessuna emozione emerge dagli occhi spenti, sgomenti nel rivedere la propria vita passata.
La sua posizione è precaria, lei lo sa, lei vuole che sia così: prima o poi per stanchezza cadrà nel freddo abbraccio del fiume e tutto sarà finito.
Il gracchiare delle radio della polizia non la distolgono, così come a stento sente la voce del poliziotto che cerca di evitare l’inevitabile.
Come mi chiamo? Dove abito? Che senso hanno queste domande quando tra poco non ci sarò più?
Perchè lo voglio fare? Sei venuto venti anni troppo tardi mio comprensivo amico. Perchè non sei venuto quando stavo per strada, quando da poco ero fuggita di casa? Quando, a diciassette anni, sono andata in cerca della mia vita?
La vita….
Ricordo ancora quel bel momento quando il corpo si modifica e nuove sensazioni nascono in te. Nuovi desideri, speranze e curiosità ti fanno guardare alla vita in maniera diversa.
E ricordo le sue mani su di me, e io che non potevo far nulla.
Perchè non sei venuto allora? Ti ha fatto comodo considerarmi una fuggitiva, una ragazza facile e non ti sei chiesto il perchè…. Ora va’ via e lasciami in pace.
Ero impaurita, insicura, ma per nulla al mondo sarei tornata indietro in quella casa in cui vivevo con quella grande bugia in corpo.
Dove tremavo al solo sentire la sua voce dire: “Cara sono stanco, vado a letto…. principessa sali con me che domani hai scuola!”.
Papà, perchè mi hai fatto questo? Proprio tu che mi avresti dovuto proteggere da questo mondo insensibile, proprio tu mi hai portato a tutto questo!
Il giornalista vuole vendere la mia storia, ecco a cosa ci si riduce… Vendere tutti un pezzo di noi stessi a questa società che ti divora in un boccone e in un secondo si dimentica di te. Ma lei ha sempre fame e ora io non ho più pezzi da dare, tu papà me li hai presi tutti!
Ora non sapete nulla e non capite, ma, quando saprete, mi farete un gran funerale, con tanti fiori e onori e io riposerò in pace.
Dici che è alto? Ma nemmeno una montagna sembra alta quando si è già precipitati giù dalla luna!

Per stessa ammissione di Hogarth (cantante dei Marillion) solo otto delle dieci tracce hanno un legame con la narrazione. Questo implica che ci sono parametri liberi all’interpretazione.
Questa canzone potrebbe, se volete, essere il lieto fine della storia: la ragazza non si butta, o sopravvive al suo gesto, e grazie all’amore di una persona a cui si lega indissolubilmente rivede la sua vita e il mondo in maniera nuova, come se fossero stati ricostruiti (Made Again appunto!).
Un’ultima curiosità: la storia è ispirata ad un fatto reale. Hogarth sentì alla radio un appello per riconoscere una ragazza che aveva perso la memoria e si era rifugiata pericolosamente sul ponte di Bristol.
Quasi dimenticavo… Quando ascoltate questo disco, seguite il suggerimento che gli stessi Marillion danno: “Ascoltatelo al buio e ad alto volume” … magari con il monitor acceso per leggere in contemporanea gli stralci di traduzione qui riportati….

Canzone per Canzone
(stralci di testi tradotti per comprendere l’evoluzione della storia brano dopo brano)

Ponte (Bridge)
Stando sul ponte, mille flash scattano dall’acqua che c’è giù. Il rumore del traffico e il gracchiare delle radio della polizia… Quando le chiedono il suo nome, di spiegare perché lei sceglie semplicemente di non dire nulla.

Vivendo con la grande bugia (Living with the big lie)
Tutto è cominciato alla luce del giorno e nel rumore. Il caos dei sensi e l’urlo del desiderio, toccando e venendo toccati. La bellezza degli occhi di tua madre, la pena di quando sbagli… bevi tutto con naturalezza: sei abituato a tutto ciò.
La sicurezza della famiglia, le leggi e le regole buttatemi in faccia di primo mattino a scuola. Gli eroi e i nessuno, il primo amore della mia vita?
Da sola nella città a 17 anni, con il vuoto e la solitudine.
Sono qui per proteggerti non lo sai?
Vivendo con la grande bugia…. Tu devi dirla, dilla. Va bene, io l’ho detta!

Fuga (Runaway )
Piangesti quando ti portarono via la casa, posero un lucchetto sulla porta e al telefono? Una ragazza che scappa…. troppo cattiva…
Può darsi che loro non si curarono di chiederti perché, scegliendo di vedere solo una ragazza in fuga. Alla fine avesti la tua libertà… ma solo quella. Preferisti lavarti la tua roba in qualche lavanderia automatica piuttosto che dargli la soddisfazione di tornare indietro. Avresti preferito morire più che permettergli di posare di nuovo le sue mani su di te.

Addio a tutto questo (Goodbye to all that)

Hanno provato a rintracciarti in città, ottenendo informazioni grazie ai telegiornali locali. Dev’essere mancata a quacuno. Ci vuole un genitore o una faccia amica che le parli. Sta cercando la grande via d’uscita.

Cattiva (Mad)
Dimmi sono cattiva? Come potrei saperlo io? Tu sei uno “giusto” per decidere.. Dimmi, sono cattiva? E’ stato qualcosa che non dissi? O qualcosa che ho detto? (E’ fuori di testa chiaramente lui è cattivo)

La Sbandata (The Slide)
Diventi una droga per i miei sensi. Sono pazza di te.. L’amore ci tiene insieme, l’amore ci unisce.

Standing in the swing
Non so cosa stai facendo qui quando, per strada, c’è un assassino da prendere. Apprezzo il tuo interessamento ma non perdere il tuo tempo con me, sono già cenere sull’acqua. Pensi di essere venuto qui appena in tempo, invece sei venuto venti anni troppo tardi!

Di nuovo da solo in un momento di lussuria (Alone again in the lap of luxury)
Vedi quelle persone lì? Loro guardano dopo me e questa è una fotografia di chi sarei potuta essere.
Uomo in uniforme ?
Mamma ha sempre tenuto ai soldi e allo charme. Lui è stato di nuovo preso dal sonno, dicendo quanto gli dispiace, chiama il mio nome…
Dicendo quanto è dispiaciuto? Di nuovo da sola in un momento di lussuria.
Da quando è successo non ho avuto nulla da dire. Mi mandarono via, a scuola, nel parco. Credevano che poteva essere meglio per me: nel buio, sento ancora il pianto dei bambini.
Di nuovo da sola in un momento di lussuria, non c’è scampo.
Non ricordo l’ultima volta che ho pianto, non ricordo molto, tranne le bugie. Guarda una piccola bambina cadere giù, questa è la fotografia di chi lei è ora.
“Un giorno, tutto questo sarà tuo” mi disse.
Di nuovo da solo in un momento di lussuria.
Potrei stare dovunque bene se solo avessi la fermezza di lasciare questa casa, portami da qualche parte, dovunque, per favore! Lontano.
Padre,
Oh papà?
Tu non lo farai più, per amor di Dio non pretendere d’essere capito.. Torna negli incubi ora!

Bugie di carta (Paper lies)
Quando tu guardi nello specchio, vedi una faccia che riconosci a fatica, come quando guardi nel sole troppo a lungo e le immagini cominciano a bruciare gli occhi.
Bugie di carta
Può un uomo prendere tutta la posta che gli arriva? Viviamo solo per l’oggi. È un segno dei tempi? noi crediamo in niente e in tutto. Ma quando uccidi la verità puoi anche fare un assassinio!
Mi vieni a dire che le persone vanno avanti, ma so qualcosa che tu non sai. Qualcosa che tu dovresti sapere! Ascolta ? vuoi conoscere un segreto? Noi possiamo farci un sacco di soldi con questo. Se tu ci lasci un pò di te noi possiamo venderti a pezzi. Quando vai dentro le notizie del mondo…
Bugie di carta.
Perché non lasci che prendiamo un pezzo di te?

Coraggiosa (Brave)
Ma che ragazza coraggiosa, non ha mai detto una bugia prima. Che chiara menzogna!
Tutti quanti vorrebbero sapere? Che brava ragazza, non ha mai amato prima.
Era in ricchezza… ma si stancò? così è andata via, ma ora sta male.
Lei sta male.

La grande fuga (The great escape)
Rotta per la grande fuga
Rotta per il delirio
Rotta per un’uscita dignitosa
Addio a tutto questo
Aspettando di essere compresa
Verrà fatto un applauso sommesso
Ti copriranno di fiori quando ti seppelliranno
Lo stai per ottenere
Lo stai per ottenere

Fatto di nuovo (Made Again)
Sono stata qui molte volte prima, ma mai ho visto queste strade così pulite, lavate dalla pioggia mattutina. Ho visto questa faccia un migliaio di volte, ogni giorno della mia vita, ma mai ho visto questi occhi così puliti, liberi dal dubbio e dal dolore, come se l’intero mondo fosse stato fatto di nuovo. E questo è perché tu mi hai fatto vedere le cose false da quelle vere, come se il dentro e il fuori di me fossero stati rifatti da te.
Mi sono svegliata da un sonno profondo.

Ho riportato buona parte del testo (con alcune modifiche e/o tagli) che ho trovato in un articolo sul sito www.rottersclub.net scritto da S. Leccia..mi sembra interessante