Archivio

Archivio Dicembre 2006

Auguri!

21 Dicembre 2006 19 commenti


Per tutti voi bloggers che mi tenete compagnia, che mi siete vicini, che mi venite a trovare e mi lasciate belle parole, che condividete con me queste mie pagine, l’augurio più sincero di un sereno Natale e uno splendido 2007! cos’altro augurarvi? di veder realizzati i vostri sogni più belli!
Con affetto
Edith

Amiche

18 Dicembre 2006 18 commenti


Questo post è dedicato a Laura e Ileana, due care amiche che, per motivi diversi, in questo momento stanno soffrendo.
Per dirvi che vi voglio bene e che spero che questo periodo così teso e difficile passi presto, vi abbraccio! l’amicizia tra donne è una delle cose più belle che esista.
L’angelo che vedete qui lo abbiamo fotografato sull’Alpe di Siusi l’anno scorso…qualcuno lo aveva disegnato nella neve, mi era sembrato così delicato e carino!
Un bacio.
Edith

Albero, oh albero!

12 Dicembre 2006 20 commenti


E’ tempo di addobbare tutto per le Feste…siamo fortunati noi in ufficio, abbiamo un albero di Natale favoloso! sarà alto due metri e trenta…e le lucine luccioline sono stupende.
Tra e tante cose che ho da fare e i mille stress della giornata, l’albero qui vicino a me mi rende più serena.

ps: la pallina più grossa al centro è opera mia ; )

Heiliger Nikolaus

5 Dicembre 2006 15 commenti


Domani è il 6 dicembre, San Nicola. Me ne ricordo sempre perchè mio papà, altoatesino, festeggiava Santa Klaus come il Natale. Era un Natale non certo pieno dello sfarzo che noi oggi conosciamo…
Mi manca tantissimo, la montagna…per me avere il “mal di montagna” non significa patire le alte vette, ma provarne la nostalgia!
Vi riporto quanto avevo scritto due anni fa…con la stessa foto, che mi piace moltissimo, che ha scattato mio fratello Daniele (anche lui mi manca in questo momento! è in Cina per lavoro).
dovremmo cercare di recuperare un significato del Natale un po’ più sincero e sentito.

Oggi è Heiliger Nikolaus, San Nicola. Mio papà è nato in Val di Funes (Alto Adige), mi ha raccontato che lassù era una festa molto sentita, quasi come il Natale. Viveva con la famiglia in un bellissimo maso (casa con stalla, fienile e terreno) fuori dal paese circa 4 km, la guerra era appena finita, le condizioni di vita erano molto dure. Per San Nicola i bambini aspettavano trepidanti i regali?gli ho chiesto quali: un fico magari, un mandarino, qualche noce, o qualche pistacchio. Regali importantissimi e sentiti, che rendevano ben felici i bimbi dell?epoca!
Mi ha parlato di un presepe bellissimo, con statuine fatte a mano che ora varrebbero una fortuna; di biscotti di panpepato molto preziosi che venivano preparati per l?occasione (zucchero e canditi erano ingredienti costosi, che non potevano venire molto usati nel resto dell?anno?) , e della scatola che veniva ben nascosta dalle sorelle più grandi (bisognava trovarla, per poter godere del piacere di mangiarne qualcuno di nascosto?). Immagino che bella festa lassù su quei monti meravigliosi, in quella casa che ben conosco, ancora adesso così lontana dal passo dei tempi?
La mamma di quei bimbi se ne andò troppo presto, una donna bellissima che non riuscì a sconfiggere il suo male, nell?agosto del ?48. Ho una bella foto di mia nonna, l?unica che resta credo, era proprio bella e sorridente, e mi rimane il rammarico di non averla mai conosciuta.

Il Monte Edith

1 Dicembre 2006 13 commenti


Toh! ho trovato il Monte Edith! che meraviglia! si trova in Canada. Non pensavo esistesse (tutto nasce da una ricerca per cazzeggio del mio nome fatta su google immagini: vedeste che brutte facce di Edith ho trovato!! ma della mia non c’è traccia!) ; )